OTHELLO

di William Shakespeare

Il Dubbio: trovarsi tra il decidere e il non agire. L'amore e l'odio che si mescolano, si avviluppano come due flussi agli antipodi dell'animo umano. Quattro attori in scena che interpretano o evocano tutti i tasselli di un puzzle che alla fine si rivelerà prendere alla gola e trafiggere il pubblico. 
Othello è "l'altro"? La "sventura"? O lui stesso è la vittima? Alla fine tutta la sua "magia" di cui viene accusato lo traghetta verso il suo destino spezzato.


La scena è disegnata dalla luce, sagomatori come lame a creare una gabbia dove si muovono i personaggi, costretti al confronto.
Il suono avvolge le orecchie di chi ascolta il racconto. Un ambiente sonoro, con voci off (alcuni personaggi vivranno proprio e solo attraverso il suono), il suono sarà un vero e proprio altro attore in scena.
I costumi saranno molto definiti e assumeranno un grande peso in questo ambiente astratto, dove i personaggi compiranno il loro viaggio, inconsapevolmente legati e indissolubilmente intrappolati nella propria ragnatela.
L'arte oratoria di Jago, il suo continuo flusso dalla mille parole che come una goccia modificano le azioni e i pensieri di chi ha la sventura di stargli accanto. Desdemona ama e amerà fino all'ultimo suo respiro, fino a che Othello stesso sommerà tutti gli abbracci d'amore a quello definitivo e ferale.

La compagnia PianoinBilico continua questo suo sodalizio con il testo Shakespiriano, convinta che i personaggi, che in questi testi sono numerosi e tra di loro diversissimi, in scena possono essere ridotti nel numero ma amplificati e sintetizzati da soli tre attori che ne muovono i fili drammaturgici.
La scena non esiste. E' la relazione tra gli attori che disegna i confini. Pasquale Di Filippo, Silvia Giulia Amendola, Alberto Onofrietti e Cinzia Spanò, passo dopo passo, con i loro cambi di direzione nella scena scarna animano uno spazio che alla fine viene fagocitato dai loro stessi pensieri. 
La regia è affidata ad Alessandro Loi. “Un attore che guida una compagnia di attori”

. E’ l'occhio esterno e oggettivo che accompagnerà gli altri a muoversi in questa trama.

IL TRAILER DELLO SPETTACOLO

regia Alessandro Loi

Silvia Giulia Mendola, Cinzia Spanò, Diego Facciotti, Alberto Onofrietti /Alessandro Loi

In video: Paolo Perinelli, Pierre Bresolin, Geremia Longobardo

Voce registrata del Doge: Gianrico Tedeschi

Costumi: Maria Stefania Trovato

 

Musiche: Matteo Palladini

 

Impianto scenico/video: Giulia Venegoni- Alessandro Loi

 

Foto Chiara Venegoni

 

Si ringrazia Casa Orbàn